Domenica, 18 Luglio 2021 00:43

Monopattini elettrici sulle strade: le regole andrebbero riviste e fatte rispettare

Monopattini elettrici: troppi abusi sulle strade cittadine e non solo da parte di conducenti che non conoscono le regole.

Noi che andiamo in moto ce ne siamo accorti subito. Da quando, a causa del Covid 19 (per limitare l'uso dei mezzi pubblici di trasporto urbano ed evitare così contagi), è stato consentito la micromobilità nelle città, sulle strade è il caos.

Perché? Perché come spesso accade le regole non si rispettano. Un monopattino elettrico dovrebbe andare, per esempio, ad una velocità massima di 25 km/h eppure in vendita se ne trovano tantissimi modelli che vanno oltre i 25 per arrivare anche a 80 km/h.

Il conducente del monopattino elettrico non ha obbligo del casco eppure se dovesse cadere a 25 km/h o ad 80 km/h potrebbe farsi davvero molto male.

I conducenti dei monopattini non rispettano, molto spesso, specie gli stranieri che li usano come mezzi di trasporto abituali, le corsie di marcia per cui non è raro incontrare un monopattino in controsenso.

I monopattini non richiedono assicurazione per cui se causano incidenti - i loro conducenti - stanno più o meno tranquilli. Se sono stranieri, come troppo spesso si incontrano, non vi risarciranno neanche il danno. 

I monopattini non hanno obbligo di luci di segnalazione (le frecce) e non tutti i conducenti segnalano lo spostamento con le braccia.

Il conducente del monopattino, inoltre, non può andare su strade extraurbane o urbane a scorrimento veloce salvo poi incontrare il solito migrante "risorsa" che lo guida pure in autostrada. Nessuno li ferma e li controlla però.

Perché noi motociclisti, allora, siamo costretti a pagare l'assicurazione, la tassa di circolazione, a comprare e indossare il casco, a far revisionare le moto, a sottoporci ai controlli periodici per il rinnovo della patente?

Ci sono mezzi a due ruote (i monopattini), incredibilmente equiparati alle biciclette anche se non ha senso, sulle nostre strade che non hanno alcun obbligo: neanche una targa di riconoscimento in caso di incidente e fuga. Spesso i conducenti dei monopattini, specie gli stranieri, non conoscono neanche le regole della strada, non conoscono la segnaletica verticale e orizzontale. Sono un pericolo, insomma, anche per se stessi.

Ci sembra poco corretto e ingiusto. Assolutamente iniquo. Le regole dovrebbero essere per tutti anche se con le giuste differenze.

La sicurezza, però, deve essere per tutti: anche per chi si vede arrivare davanti, in controsenso, un monopattino.

Staff

 

Letture: 200 Last modified on Domenica, 18 Luglio 2021 01:15

Harleysti Italia

Harleysti Italia è una Web Community fondata da Gabriele B. Fallica - CEO di Business Amplifier - e Mescal Peyo, appassionati di Harley Davidson. La Community vanta migliaia di followers sui social network.

Contatti rapidi

Harleysti Italia è nata a Torri di Quartesolo (VI) nel novembre del 2017 ed è operativa nel web dal 2018.

Whatsapp +39 345 91 81 840

harleystiitalia[@]gmail.com

Copyright © 2018-2021 Harleysti Italia. Tutti i diritti riservati. Powered by Business Amplifier
Disclaimer foto: Esterno: scattate durante eventi pubblici - Interno concessionari Harley Davidson: previa autorizzazione dei gestori.
Network di Web4raw: Privacy policy | Cookie Policy

Search